Now reading
Come Vendere Diamanti?

Come Vendere Diamanti?

Vendere diamanti e gioielli inutilizzati può essere una valida idea per guadagnare del denaro. Tuttavia è necessario seguire alcuni accorgimenti per non farsi imbrogliare.

Attualmente pare sia un buon momento per vendere gioielli, infatti sono molti i gioiellieri che accettano di acquistare collane, anelli e bracciali, anche solo per poter riutilizzare pietre preziose e diamanti, così da rimontarli con un design più moderno. Tuttavia attenzione: vendere non è così semplice, o meglio non è facile ottenere un prezzo univoco.

Se infatti le quotazioni oro sono più o meno certe, le quotazioni diamanti presentano diversi aspetti nella valutazione che lo rendono suscettibile di proposte differenti per quanto riguarda il prezzo. Inoltre, per i gioielli, l’affare si complica, in quanto bisogna tener conto anche della marca, della fattura, dei carati dell’oro, oltre alla qualità delle pietre preziose o semi-preziose.

5 consigli per vendere diamanti

1. Capire il valore di ciò che si vuole vendere

Il valore sentimentale è una cosa, quello materiale un’altra. Partendo da tale presupposto, è necessario avere un’idea precisa dalla qualità e della purezza della pietra che si vuole vendere.

Se si tratta di un diamante di una certa dimensione e peso, vale la pena rivolgersi a un perito qualificato. Tuttavia è bene informarsi sul costo della perizia: poiché deve valerne la pena.

In alternativo ci si può rivolgere al banco dei pegni o a un istituto gemmologico riconosciuto, come l’Istituto Gemmologico Italiano.

2. Prepararsi a un prezzo realistico.

Anche se il mercato è in un momento favorevole, non vuol dire che il diamante varrà moltissimi soldi. Dunque è necessario mantenere i piedi per terra, e non pensare di riuscire a piazzare la pietra con lo stesso prezzo a cui è stato acquistato. Di solito lo sconto richiesto è di circa il 50%, in alcuni casi ancora maggiore.

3. Considerare le opzioni di vendita.

Quando si decide di vendere diamanti bisogna ricordare che l’acquirente ha tre opzioni:

  • vendere a sua volta il pezzo a un altro operatore del settore;
  • vendere direttamente al pubblico;
  • utilizzare solo il metallo del gioiello (se il diamante fa parte di un anello) per farne uno nuovo.

Un’idea per vendere diamanti potrebbe essere quella di rivolgersi a un produttore di gioielli, cioè a un’azienda che produce gioielli: probabilmente il prezzo non sarà il massimo, ma in compenso la vendita avverrà molto velocemente.

4. Valutare se si è emotivamente pronti a vendere diamanti

La cosa più difficile non è tanto riuscire a ottenere un buon prezzo, ma quanto essere sicuri di voler vendere un gioiello. Spesso si tende ad aggiungere un valore emotivo a un diamante, magari incastonato sull’anello di fidanzamento, e la delusione sul reale valore di mercato può essere uno shock.

5. E le aste?

Se si possiede un gioiello di un certo valore, una strada interessante è quella di proporlo in un’asta. Ogni Paese ha case d’aste che organizzano periodicamente vendite all’incanto.

Nel caso in cui il gioiello abbia una foggia interessante, provando a venderlo ad un’asta si potrebbe spuntare un prezzo superiore a quello di una vendita in gioielleria o un privato.