Now reading
Tipologie argento in commercio

Tipologie argento in commercio

tipologie argento in commercio

Cos’è l’Argento ?

L’Argento che nella tavola periodica viene rappresentato con il simbolo Ag ha numero atomico 47. Si distingue perché  ha un colore biancastro, particolarmente malleabile ed è il conduttore che conduce meglio di tutti il calore.

Applicazioni

L’argento trova principalmente impiego come metallo prezioso. I suoi alogenuri, in special modo il cloruro d’argento, sono impiegati in fotografia – che ne è l’utilizzo principale in termini di quantità.

Altri possibili utilizzi sono:

  • Per produrre contatti ad elevata conduttività in manufatti elettrici ed elettronici, ad esempio i contatti elettrici delle tastiere.
  • Per preparare le emulsioni fotografiche, per le quali vengono usati gli alogenuri d’argento: ioduro, bromuro e cloruro.
  • Per produrre specchi con una maggiore riflettanza; gli specchi comuni sono fatti con l’alluminio.
  • La produzione di monete d’argento, che risale all’VIII secolo a.C.; le parole “argento” e “denaro” sono identiche o molto simili in almeno 14 lingue.
  • Per il suo splendore viene usato per produrre articoli di gioielleria e set di posate e articoli da tavola (l’argenteria), prodotti tradizionalmente con l’argento sterling, una lega che contiene il 92,5% di argento.
  • Per la sua malleabilità e la sua non tossicità si usa in lega con altri metalli in odontoiatria.
  • Per le sue proprietà catalitiche, trova uso come catalizzatore in molte reazioni di ossidazione, ad esempio nella produzione di formaldeide dal metanolo.
  • Nella produzione di batterie a lunga durata argento-zinco e argento-cadmio.
  • Il fulminato d’argento è un esplosivo.
  • Il cloruro d’argento può essere reso trasparente e venire impiegato come cemento per il vetro.
  • Lo ioduro d’argento è usato per seminare le nubi per produrre la pioggia.
  • L’argento è anche un additivo alimentare (E 174), usato come colorante in particolare per caram

Tipologie argento

L’argento deve necessariamente essere legato ad altri metalli, per la produzione di gioielli in quanto risulterebbe troppo duttile se usato da solo. La lega più utilizzata è il cosiddetto argento 925, ovvero quello composto con un 7,5% di rame e, di conseguenza, il 92,5% di argento.

Per quanto riguarda l’argento, alcuni fattori che si possono considerare sono le timbrature che devono essere riportate sugli oggetti. In genere si possono trovare le scritte “925″ e “800″, che corrispondono a due tipi di argento che si differenziano per la percentuale con cui si legano ad altri metalli.
Importante, per gli oggetti antichi, è anche la provenienza e la lavorazione. Logicamente, più il nome di chi ha realizzato l’oggetto è famoso, più il suo valore aumenta, indipendentemente (nel caso degli artisti più famosi e ricercati) se l’argento sia 925 o 800. La cosa migliore e più sicura, comunque, è sempre quella di rivolgersi a un professionista del settore, come i compro oro e compro argento.

Qui di seguito trovate una piccola guida per comprendere di quale tipo di argento siete in possesso.

Sul mercato esistono 5 Tipologie di Argento:

Argento 999/1000 (Argento Puro)
L’argento puro 999 normalmente si può trovare in tre forme: in lingotti, in palline e in scarti di lavorazione industriale.
I lingotti sono timbrati con un punzone simile a questo:

                                                                             

Qualche anno fa venivano venduti degli oggetti argentati (posate e vasellame) che riportavano un timbro che ha creato un pò di confusione,
purtroppo i manufatti timbrati con il seguente punzone non sono in Argento:

Argento 925/1000
L’Argento 925
normalmente si può trovare in 3 forme diverse: manufatti di argenteria (posateria, vasellame), in lingotti e in gioielli. Controlla qui la quotazione.
Tutti gli oggetti prodotti in argento 925 riportano il seguente timbro:

Argento 900/1000
L’Argento 900 normalmente si può trovare sotto forma di monete o medaglie commemorative.

Argento 835/1000
L’Argento 835
normalmente si può trovare sotto forma di monete.

Argento 800/1000

L’Argento 800 normalmente si può trovare in 3 forme diverse: manufatti di argenteria (posateria, vasellame), in lingotti e in gioielli. Controlla qui la quotazione.
Tutti gli oggetti prodotti in argento 800 devono essere timbrati con uno dei seguenti punzoni:

                                                                               
                                                                           

Qualche anno fa venivano venduti degli oggetti argentati (posate e vasellame) che riportavano un timbro che ha creato un pò di confusione,
purtroppo i manufatti timbrati con il seguente punzone non sono in Argento:

 

Tendenza di vendita dell’argento

Negli ultimi anni c’è da constatare una flessione importante di vendita dell’argento in quanto o per tendenza, o per il costo piuttosto elevato del prezioso si evita di fare quel tipo spesa.
In un periodo di crisi, comunque, regalare un oggetto in argento può avere un duplice significato: oltre all’oggetto in sé, infatti,  l’argento è un metallo che conserva un certo valore nel tempo e che, visto il suo largo impiego in tante lavorazioni industriali, è sempre molto richiesto dal mercato.
Il valore di questi oggetti, comunque, dipende molto dal livello della manifattura e dalla cura con cui è stato conservato e mantenuto.

Manutenzione e cura argento:

Proprio la manutenzione è un aspetto fondamentale: l’argento, infatti, con il tempo tende a ossidare e scurirsi, perdendo la brillantezza che lo contraddistingue. Per evitare o, perlomeno, rallentare questo processo, è bene non conservare gli oggetti in argento accanto a oggetti in legno che, con il tempo, alterano il colore del metallo, così come è meglio evitare l’esposizione diretta alle fonti di luce.

A livello di pulizia, invece, è utile strofinare gli oggetti in argento con un panno in microfibra, anche dopo averli lavati con il semplice sapone liquido.Sul mercato esistono molti prodotti specifici per la pulizia, in genere utilizzabili sia per quanto riguarda gli oggetti, è bene ricordare che spesso questi prodotti sono a base d’acidi, è bene attenersi alle istruzioni per l’uso.

Un metodo “casalingo” efficace con i monili, è quello di realizzare un composto con dentifricio e succo di limone, da passare sull’oggetto, per lucidarlo, aiutandosi con una spazzola con setole morbide e flessibili, sarebbe consigliabile far effettuare una lucidatura professionale almeno una volta l’anno, per riportare l’oggetto allo splendore originale.
Sempre belli e ricercati, gli oggetti d’argento sono tra i souvenir che più spesso si portano a casa di ritorno da qualche viaggio. Non sempre, però, tutto quel che “luccica” ha effettivamente un valore.